25 APRILE RESISTE 2018 // SAVONA

25 Aprile R-Esiste 2018

Eccoci alla SETTIMA edizione di 25 Aprile Resiste: la festa che vuole essere segnale di presenza attiva nel dibattito politico, ed occasione per sottolineare, festeggiare e riconquistare i valori della Resistenza antifascista, sui quali è basata la Costituzione della nostra Repubblica, mettendo insieme concerti, spettacoli, mostre e proiezioni sul tema della Resistenza e della Costituzione,

————————–————————–
** Piazza del Maschio **
Musica dal vivo dalle ore 18 con:

The Toasters ( NYC SKA since 1981 )
https://www.youtube.com/watch?v=lPnm5k6Qn5g

Tying Tiffany ( Electro Pop Queen )
https://www.youtube.com/watch?v=nvOvBdBS8V8

Don Antonio ( Soundtracks for the new Mediterraneans from Sacri Cuori ‘s sacred heart Toni Gramenteri )
https://www.youtube.com/watch?v=aaxdqWilvbQ

– Mr. Puma / Giovanni Briano con: Robottino & Alessandro Castelli

The Sunburst (Alternative Metal)
https://www.youtube.com/watch?time_continue=1&v=mTwVY_FJwYY

** Palazzo del Commissario **
Mostre e proiezioni sui temi e i valori della Resistenza (a cura delle associazioni partecipanti)
/apertura mostre: dalle ore 15.00 alle 19.00

** Piazza della Cittadella **
Musica dal vivo e stand espositivi delle
associazioni partecipanti.
/musica dalle ore 16.00 alle ore 19.00.
/orario apertura stand e gazebo: dalle ore 15.00 alle 19.00.

————————–————————–—-

— The Toasters ( NYC SKA since 1981 )
Formatisi a New York City nel 1981, grazie al volere del chitarrista britannico e frontman della band Rob Hingley “Bucket”, i Toasters sono letteralmente esplosi nella scena musicale della Lower East Side. I The Toasters sono dei veri pionieri dello ska che da sempre si spingono laddove nessun’altra ska band si è mai avventurata! Spesso paragonati ai Ramones, grazie alla loro longevità e all’adesione ai principi fondamentali della scena punk/rock, i Toasters sono ritenuti una delle band più influenti in circolazione. La loro “ska-machine” continua a galvanizzare pubblico e musicisti da oltre trent’anni, grazie al proprio suono fedele alle origini giamaicane, diventato di fama globale negli anni ’90. Il segno distintivo dei Toasters risiede infatti in un sapiente mix di Reggae, Jazz, Punk e Soul, che raccoglie alla perfezione il patrimonio lasciato in eredità da band come The Specials, The Selecter, The Beat e Madness.

— Tying Tiffany, frequenta l’Istituto D’arte che le permette di sperimentare vari percorsi artistici, dal disegno alla fotografia alle arti performative, ma avendo ben chiaro che solo la musica le permette di raggiungere la piena forza espressiva attraverso uno
stile avanguardistico, dissacratorio e controcorrente.
Con 5 album all’attivo, inizia la sua carriera musicale nel 2004 con la prestigiosa label Get Physical di Berlino.
Le sonorità che appartengono alle sue produzioni, mescolano elettronica, synthwave post-punk, newwave con una sensibilità pop. Nel corso degli anni non si è mai fermata tra Europa, Stati Uniti, Russia, Messico, ha partecipato a festival internazionali e club, aprendo concerti con artisti del calibro di: Iggy Pop, The Rapture, Hurts, Austra, Killing Joke, Deus e Alec Empire.
Ottiene una premiere di prestigio con l’inserimento nella soundtrack dell’ edizione del popolarissimo gioco per Pc e Console della Electronic Arts FIFA 2012, Tying Tiffany è stata l’unica artista italiana ad ad essere scelta tra 39 bands di 15 nazioni diverse tra cui spiccano The Ting Tings, CSS, Kasabian, TV On The Radio, The Strokes, Foster the People e Thievery Corporation in quella che è stata definita da MTV (USA) e dagli appassionati di questa serie, una delle migliori edizioni.
I brani “Storycide” e “New Colony” vengono inseriti in due episodi del telefilm cult americano CSI: Las Vegas e CSI: New York.

— Don Antonio è Don Antonio Gramentieri, musicista e produttore, fra i pochi internazionalisti della musica italiana. Fondatore dei Sacri Cuori, autore di musiche per il cinema e la pubblicità, in questi anni Don Antonio ha girato il mondo con la musica. Ha diviso studi di registrazione con grandi musicisti internazionali, partecipato ai tour (e prodotto diversi dischi) di Alejandro Escovedo, Richard Buckner, Dan Stuart, Hugo Race Fatalists, Terry Lee Hale. In Italia con Nada e Pan del Diavolo, Riccardo Tesi e Giulio Casale.
Nel frattempo ha realizzato colonne sonore per il cinema (Zoran, il mio nipote scemo di Matteo Oleotto), la televisione (Hundred to Go su Fox) e il teatro (Il Solito Viaggio con Marina Massironi), visto suoi pezzi finire in importanti spot internazionali (Passat Volkswagen), girato manopole e creato suoni dalla Romagna a Melbourne, da Los Angeles a Bristol, da Tucson a New York.
Don Antonio è il suo primo lavoro solista. Un disco, una storia vera e un viaggio a Sud. Registrato in Sicilia, Don Antonio è un disco che si lascia il continente dietro le spalle, e suona con la faccia rivolta verso il mare, affacciato sull’ultimo lembo di Italia, e di Europa. E’ la colonna sonora di una vita, la sua, dei suoi gusti trasversali e delle sue passioni. E dei suoi incontri. Il disco è infatti realizzato con la partecipazione di molti dei musicisti/amici con cui in oltre venti anni di lavoro Don Antonio ha collaborato. Il suono abbraccia un sentire mediterrano che lentamente sposta il suo asse, e si trova a vivere simultaneamente l’Est e l’Ovest, il Nord e il Sud, il passato e il futuro. La sua Romagna, e il resto del mondo.

— Giovanni Briano Aka Mr.Puma, riparte con un nuovo progetto musicale con il fedele Nicolo’ Rebagliati “Robottino” e Alessandro Castelli alla chitarra elettrica. Dove si alterneranno, brani, cantati e interpretati dall’istrionico artista savonese. Alcuni di artisti che lo hanno ispirato, altri invece presi dal suo vecchio repertorio e altri nuovi. Una specie di eredita’ costruita in questi ultimi 30 anni di attivita’. Dove le sue doti, recitative e canore, vengono Amplificate tramite basi elettroniche e l’appoggio della chitarra. Un live, quasi un “testamento”, per celebrare il i suoi 60 anni.

— The Sunburst
Band ligure di grande esperienza, un disco alle spalle ed un lungo tour europeo per promuoverlo, i The Sunburst fondono nella loro voce personale influenze disparate che attingono al post-grunge ed al progressive per creare un sound alternative metal moderno e riconoscibile. Il secondo lavoro del quartetto savonese si chiamerà “Resilience & Captivity” ed uscirà in tutto il mondo per Volcano Records & Promotion.