EMILY JANE WHITE

Venerdì 31 gennaio ore 22:00
Emily Jane White (Dark-Indie-Folk from California)
— !Unica data in Italia! —
https://www.youtube.com/watch?v=7gc_OpSViI0
https://www.youtube.com/watch?v=cCuTm_bYTM4
https://www.youtube.com/watch?v=Aw6Kh-lzVgM
ingresso 10e con tessera arci

Potete prenotare l’ ingresso al concerto inviando una mail a raindogshouse@gmail.com inserendo come oggetto: ‘prenotazione Emily Jane White’

Non è più una novità la classe di Emily Jane White, cantautrice californiana, scoperta e inizialmente coccolata da David Tibet dei Current 93. Dopo gli apprezzati “Blood/Lines” e “They Moved In Shadow All Together” con “Immanent Fire” giunge al sesto disco ufficiale. Melodie suadenti e fortemente evocative, una vena creativa in piena crescita che sancisce il totale distacco dal cliché – ormai decisamente riduttivo – di “più credibile erede di Cat Power”.

Il primo video tratto dal nuovo album: Washed Away
“Washed Away” is about how we are severed from our natural world, how pervasive communication through technology dominates so much our lives. This song speaks to the creative importance of spending time in nature and how it must be seen and valued. It’s a relationship. I feel this disconnect is directly linked to the climate crisis and ongoing destruction of the planet, Emily Jane White


“Folk solenne e cupo, elegantemente adagiato su pianoforti, percussioni e arrangiamenti d’archi, un pò Nyman e un pò Dead Can Dance, suoni cuciti su misura in grado di valorizzarne la splendida voce e le suggestive soluzioni armoniche, finalmente in grado di farle fare un balzo in avanti. Ora tocca al pubblico accorgersene” A. Besselva Averame, Rumore

“La voce di Emily, piena e in primo piano, semina per le strofe blues, rock e qualche volo pindarico d’ugola. Pensate a una DIamanda Galas pop… a tratti la parentele con Polly J Harvey si fa un pelo stretta, ma ci può stare. Modelli a parte, ‘Blood / Lines’ rimane un lavoro convincente, rotondo e coerente nell’umore, possibile punto di partenza per meraviglie a venire. Chi fosse già rapito dalle Scure Signore citate… può tranquillamente accomodarsi. Non resterà deluso” M. Sideri, Blow Up