REGGAE EASTER SPECIAL: EASTERN STANDARD TIME + LA COSCA DJ SET

Domenica 21 aprile ore 22
!REGGAE EASTER SPECIAL!
Eastern Standard Time Live
Hot Jamaican Ska & Caribbean Beat Of Washington DC
https://www.youtube.com/watch?v=FJhnUawNUyI
https://www.youtube.com/watch?v=bAxpEWkNpEE
https://www.youtube.com/watch?v=f1wVdjvZ_xU
La Cosca Dj Set
soundcloud: https://soundcloud.com/la-cosca
mixcloud: https://www.mixcloud.com/LaCosca/
ingresso 8e con tessera arci

Metti insieme i migliori musicisti delle scene Jazz e Reggae di Washington DC, dai loro la ricetta per l’originale Jamaican Ska, aggiungi una punta di Soul nel mix, agita bene, e il il risultato sono gli Eastern Standard Time.
Nati come super-band Ska Jazz, gli Eastern Standard Time nel corso degli oltre vent’anni di attività hanno arricchito le proprie sonorità, aggiungendo Rocksteady, Reggae, Latin, Dub, Soul e persino Spy Jazz nel loro repertorio per creare un nuovo suono che è stato soprannominato “Caribbean Beat”.
Eastern Standard Time è una band di livello mondiale, con decine di tour negli Stati Uniti, Canada ed Europa. Possono anche rivendicare di essere la prima band degli Stati Uniti del loro genere per fare un tour in Russia. Avendo suonato con artisti giamaicani classici come Mr. Symarip, Charley Organaire e Derrick Morgan, EST è stata “svezzata” direttamente dai patriarchi del genere, con cui ancora oggi collaborano attivamente: ne è la prova l’album dal vivo con Derrick Morgan che è stato registrato al Supernova International Ska Festival 2017.
Contrariamente a quanto affermato dai proverbi nostrani, Eastern standard time sono profeti in patria (il Washington Post li ha inseriti fra le band icona della città) e riscuotono successi in tutte le aree del globo!
Nel 2018 Eastern Standard Time sono entrati nuovamente in studio, producendo un nuovo album, in uscita nei primi giorni del 2019: “Time to change” “Il nostro miglior lavoro” si sbilanciano!
I live show di Eastern Standard Time sono coinvolgenti e divertenti: sarà impossibile non farsi trascinare dal loro levare. Dopo tre anni di assenza, per la band è di nuovo tempo di calcare le strade europee ed italiane, è di nuovo tempo di incontrare fan del vecchio continente.
E’ di nuovo Eastern Standard Time

———————————————

La Cosca Sound System, nasce nell’ estate del 2002 da un’idea di Giovanni e Davide, due amici di vecchia data entrambi fanatici di musica reggae.
Da subito il neonato sound deve fare i conti con la dura realtà savonese. La mancanza di posti in cui potersi esprimere e la diffusa diffidenza verso un genere musicale spesso frainteso sono all’ordine del giorno.
Troppo forte è però la tentazione di montare le casse sulla spiaggia a pochi metri dal mare e godere dell’inimitabile calore del reggae quando esce dai 45 giri dell’epoca.
L’obiettivo è quello di raccogliere l’eredità dei pionieri savonesi conosciuti in tutta Italia nel periodo a cavallo tra gli anni ottanta e novanta (fra tutti Mr Puma, Briggy “The Originator” Bronson, Gianni Galli, Fulvio R, Angelone “Studio One” Robatto) tornando a diffondere la musica reggae nella riviera di ponente.
Inizialmente i djset vengono organizzati in posti di fortuna per un ristretto gruppo di amici; poi, con il passare degli anni il progetto si evolve, il gruppo di sostenitori diventa sempre più consistente ed anche i locali si sensibilizzano.
Nel frattempo La Cosca ha incrementato il suo sound system che ora sfiora i 3500 watt di potenza, organizza feste estive sulle spiagge, nei locali e ha “aperto” esibizioni live di artisti internazionali del calibro di Toots and the Maytals, djGruff, Sister Nancy, la storica band di Bob Marley “The Wailers” ed il fenomeno del momento, l’italo-giamaicano Alborosie.
Negli anni La Cosca è così diventata un punto di riferimento per tutti gli amanti del genere.
Oggi a Savona c’è una vera e propria scena musicale legata al reggae con gruppi live e sempre più sostenitori.
Il 2012 è stato l’anno dell’ingresso nella crew di Marco che con la sua ossessione per la ricerca delle radici della musica giamaicana nel soul ha arricchito ancora una volta il bagaglio musicale della Cosca.