JESSE MALIN & BAND W/ TRAPPER SHOEPP

Mercoledì 22 febbraio ore 21.30
Jesse Malin & Band with Special Guest Trapper Shoepp

“The Fine Art of Self Destruction” 20th Anniversary
https://youtu.be/-WjBvrgndCI
https://youtu.be/iPmh_BHJQ_g
https://youtu.be/3Ifb_Zs0X9s
https://youtu.be/vxGi-1YtJmI
Apertura porte ore 21:00 – Possibilità di cenare con le nostre specialità
Inizio concerto ore 21:30
ingresso 15e con tessera arci – under 25 ingresso 10e con tessera arci
Biglietti On Line: https://www.musicglue.com/circolo-raindogs-house

Torna in Italia Jesse Malin, beniamino della New York del Punk e dell’Underground, per il ventesimo anniversario del suo primo disco “The Fine Art of Self Destruction”.
Jesse Malin non è solo un cantautore e front-man di grande personalità, ma anche una figura chiave del rock della Grande Mela. Rispettatissimo e molto apprezzato dai colleghi, Malin esordisce con il fulminante “The Fine Art of Self Destruction” prodotto dall’amico Ryan Adams, in cui troviamo Melissa Auf Der Maur degli Smashing Pumpkins ai cori. Il suo lavoro di maggior successo è “Glitter in the Gutter” in cui duetta con Bruce Springsteen in “Broken Radio” e che presenta il contributo alle chitarre di Josh Homme dei Queens of the Stone Age. Nel 2019 Malin ha dato alla luce “Sunset Kids”, lavoro prodotto da Lucinda Williams con la partecipazione di Billie Joe Armstrong dei Green Day. Lo spirito indipendente di Malin e la sua travolgente carica nei concerti ne fanno una sorta di personaggio di culto underground!
Lo special guest dell’intero tour sarà il cantautore di Milwaukee Trapper Schoepp, già spalla di Jesse Malin in Europa nel 2016, e apprezzato folksinger in procinto di pubblicare il nuovo album “Siren Songs”, prodotto da John Jackson (Jayhawks) e Patrick Sansone (Wilco), e registrato al Cash Cabin di Hendersonville, Tennessee. “Siren Songs” è fortemente ispirato all’irish folk, e vede la partecipazione – oltre ai sopra citati Jackson e Sansone – del grande fisarmonicista Jim Hoke, già in prima linea con Dolly Parton e Paul McCartney. Dopo un decennio di concerti, di palchi condivisi con Wallflowers, Frank Turner, Jayhawks e tanti altri, ma anche con l’onore di aver co-scritto il brano “Oh Wisconsin” con Bob Dylan che gli è valsa l’attenzione di molti importanti magazine americani, Schoepp è pronto a tornare on the road con nuove canzoni e rinnovata energia.