HOME

Il Comune di Spotorno e l’ Associazione Raindogs House

Riviera Jazz & Blues Festival 2019
Maisha – UK ( Spiritual Afro Jazz Ensemble from London )
Live venerdì 19 luglio ore 21 Spotorno – Piazza della Vittoria
Ingresso Gratuito!
w Ma Nu Dj Set – Everything That Has Groove –
Prima e dopo il concerto diretta live a cura di Radio Skylab
https://www.youtube.com/watch?v=LzORYDWio4c
https://www.youtube.com/watch?v=H4irB-qy8NY
https://www.youtube.com/watch?v=ut3tUOyKC6Y
https://www.youtube.com/watch?v=N_LIl0QZVnY

I Maisha sono un collettivo di musicisti londinesi capitanato dal batterista Jake Long, ispirato alla spiritualità di Alice Coltrane, Sun Ra e Pharoah Sanders, ma anche all’energia ritmica dell’afro-beat. Il loro è il risultato di un mix bilanciato tra musicisti provenienti da varie esperienze, influenzato tanto dal jazz moderno e dagli standard classici, quanto da house e dub o hip hop e pop.
Amané Suganami, Twm Dylan, Tim Doyle, Yahael Camara-Onono, Shirley Tetteh e Nubya Garcia (quest’ultimi due già colleghi nei Jazz Warriors) sono i protagonisti di questa nuova affascinante avventura, che aggiunge un altro interessante tassello a un puzzle artistico sempre più ricco.

Nel 2016 è uscito il loro primo EP e nel corso degli ultimi due anni sono diventati una delle band più note di Londra grazie alla forza dei live show.
Hanno annunciato la loro collaborazione con Brownswood Recordings di Gilles Peterson in una live session in diretta dal basement della label e il loro album d’esordio, ‘There is a Place’, è stato registrato in tre giorni a metà del 2018. Le canzoni sono maturate durante i leggendari live set tenuti a Londra e dintorni nel corso degli ultimi due anni. Proprio la loro reputazione live li ha portati prima dell’album d’esordio ad esibirsi per eventi importanti come Boiler Room!
“There Is A Place” è un progetto fortemente collettivo, dove ogni strumento gioca il proprio ruolo all’interno di una dimensione corale che, pur devota alla tradizione, vive una forma estatica molto affine al percorso di rinnovamento di artisti come Kamasi Washington.
L’esuberanza festosa dell’intonazione ritmica afro-blues di “Kaa” e le nuance più esoteriche e magiche della title track proiettano i Maisha in una dimensione sonora dove passato presente e futuro sono un unico universo creativo.
E’ nel cosmic-jazz alla Sun Ra dei dodici minuti di “Osiris” e nei suoi elementi spuri (surf, reggae, folk-psych etc.) che si realizza in pieno quel fascino universale ed epico che è alla base di questo incantevole e singolare manifesto del jazz inglese contemporaneo.

———————

Ma Nu Dj Set – ( RIVIERA GANG CREW / Rock’n’Roll Robots)
https://www.mixcloud.com/radioraheem_milano/ma-nu-radio-raheem-milano/
Eclettismo al potere, interpreta e costruisce i suoi dj-set attorno alle sonorità black senza darsi confini, con un touch che è il frutto di un forte diggin’ in giro per negozi, mercatini e magazzini di dischi, vecchi e nuovi. Sonorità funk, hip hop, disco, house & jazz, miscelate con l’utilizzo di 7 pollici.
Ha condiviso la console con artisti quali: Mad Professor, Dj Gruff, Dj Vadim, Carl Craig, Bonobo, Nickodemus, Dj Ralf, Marcell Dettmann, Nicky Siano, Andy Smith, LEfto e molti altri e ha aperto i concerti per vere e proprie leggende della musica come: Lee Fields & The Expressions, Azymuth or Yasmin Bey aka MOS DEF.

Il Comune di Albissola Marina e l’ Associazione Raindogs House presentano:

RIVIERA JAZZ & BLUES FESTIVAL 2019
The Winstons ( IT Jazz/Pop/Prog/Psych )
feat Richard Sinclair (UK from legendary Caravan! )
Enro Winstons – Enrico Gabrielli from CALIBRO 35PJ Harvey keyboards, flute, saxophone, voice
Linnon Winstons – Lino Gitto from Ufovalvola voice, drum, keyboards
Rob Winstons – Roberto Dellera from Afterhours: Voice and Bass
sabato 20 luglio ore 21 – Albissola Marina – Parco Faraggiana – Ingresso Gratuito!
Prima e dopo il concerto diretta live a cura di Radio Skylab
Food Area by Avis Comunale di Albissola Marina
https://www.youtube.com/watch?v=lFeqt52TCQw
https://www.youtube.com/watch?v=5qdWKCQ4O98
https://www.youtube.com/watch?v=obSNKiEdyrk
https://www.youtube.com/watch?v=9hmFzGTxod4

THE WINSTONS sono un power trio di fuoriclasse: basso, batteria, tastiere e voci dedito alla psichedelia e al culto dell’anarchia ancestrale.

Forse i loro nomi non vi diranno molto, se non la marca di sigarette ma le loro facce hanno comunque un che di familiare. ENRO WINSTON, ROB WINSTON e LINNON WINSTON hanno trovato la sintonia perfetta in una nuvola fumosa di sonorità psico-jazz-garage, che con sensibilità contemporanea omaggiano il progressive rock inglese.

Ed è negli acquitrini maleodoranti del prog che navigano, non curanti dello sporco che resta addosso ai vestiti. E chissenefrega, tanto lo sporco nel rock’n’roll diventa puro stile… I loro grandi templi non sono lontani dal pianeta Gong: si stagliano nell’orizzonte di una Canterbury distrutta, a destra dalla tomba di Hugh Hopper dei Soft Machine e a sinistra di quella di Kevin Ayers.
Nel 2015 il primo omonimo album “The Winstons”, seguito nel 2016 dal singolo “Golden Brown/Black Shopping Bag” rilasciato anche in uno stilosissiomo 45 giri. Ora è la volta di “Smith”, il secondo album!

Per questa data avranno l’onore di ospitare la Special Guest, musa della scena di Canterbury, Mr. RICHARD SINCLAIR, leader della band progressive inglese Caravan!

I Caravan erano una band inglese del 1968, seminale per la scena di quel rock progressivo denominato “Canterbury”

Insieme ai Soft Machine, depositari di uno stile maggiormente basato sulla fusion e sulla sperimentazione, rappresentano i due filoni principali della corrente musicale nota come scena di Canterbury. La band, capostipite del filone melodico di questo movimento, ha influenzato diverse band progressive degli anni settanta come i Camel.

Nel 1963 il quindicenne Richard Sinclair si unisce ai due fratelli Brian e Hugh Hopper per formare i Wilde Flowers, i progenitori del sound di Canterbury. Negli anni successivi ruotano all’interno della band diversi musicisti di spicco, tra i quali Robert Wyatt, Kevin Ayers, Dave Sinclair, cugino di Richard, Pye Hastings e Richard Coughlan. Il gruppo registra diverse canzoni e si esibisce anche dal vivo. Nel 1966 Wyatt, Ayers e Hugh Hopper si uniscono al chitarrista australiano Daevid Allen ed al pianista/organista Mike Ratledge per formare i Soft Machine.

Il Comune di Finale Ligure, I Feel Good Finale e l’ Associazione Raindogs House
presentano:

RIVIERA JAZZ & BLUES FESTIVAL 2019
sabato 27 luglio ore 21 – Finale Ligure – Piazza San Giovanni Battista – Ingresso Gratuito!
Delvon Lamarr Organ Trio ( Jazz, Soul, Funk from USA )
https://www.youtube.com/watch?v=tNO71hgto7c
https://www.youtube.com/watch?v=wx0BipbRJTU&t=284s
https://www.youtube.com/watch?v=tRjml_Umpn0
opening Dany Franchi Band ( Blues/Rock )
w Fred Simon Dj Set ( Boogie, Funk & Disco )
Prima e dopo il concerto diretta live a cura di Radio Skylab

DELVON LAMARR ORGAN TRIO ( USA )
– A Unique 60’s & 70’s Vintage Soul Trio With the Sounds of the Hammond B3 Mixed With Tasty Guitar Lines & Old School Style Pocket Drumming. –
Delvon Lamarr Organ Trio si è formato nella primavera del 2015. Avevano iniziato con un altro chitarrista e un anno dopo hanno agganciato il famigerato chitarrista Jimmy James! Da subito tra i tre si innesca una chimica pazzesca. Con il suono soul e caldo di Delvon, quello esplosivo della chitarra di Jimmy e il perfetto drumming di Grant Schroff, il Delvon Lamarr Organ Trio ha trovato la miscela perfetta di Soul, Jazz, Rhythm & Blues e Rock & Roll. Il TRIO è composto da tutti musicisti che fanno base a #Seattle. L’album di debutto del trio “Close But No Cigar” è stato originariamente pubblicato nel 2016, ma due anni più tardi la prestigiosa Colemine Records lo ripubblica sia su CD che su LP. Quello stesso anno l’album raggiunge la prima posizione nella classifica dei migliori dischi jazz contemporanei.

DANY FRANCHI BAND
https://www.youtube.com/watch?v=msWOj4GYYSI
Dany Franchi è al momento considerato uno dei talenti più interessanti nel panorama blues internazionale.
Classe 1990, Dany Franchi vanta una ricca attività concertistica che lo porta a suonare nei più prestigiosi festival europei e americani dividendo il palco con i mostri sacri del Blues tra cui Jimmie Vaughan, Ronnie Earl, Kim Wilson and The Fabulous Thunderbirds e molti altri.
Nel febbraio 2017 è a Austin, Texas per registrare il suo ultimo disco “Problem Child” prodotto dalla leggenda della chitarra blues texana Anson Fundrburgh e dalla Category5Amps di Dallas; uscito nel maggio 2018 raggiunge il quarto posto nella famosa classifica americana “Billboard Blues Chart” collezionando ottime recensioni in tutto il mondo.

FRED SIMON
Si avvicina alla composizione con la musica r&b, hip hop, soul, funk, all’età di 15 anni e lavora tutt’ora a diversi progetti a livello internazionale ricevendo riconoscimenti da canali mediatici come Redbull, Noisey, Apple Beats 1 / Soulection / Stamp The Wax giusto per citarne alcuni.
Pubblica diversi remix tra questi la versione rielaborata di “Bring It On” della cantante NDea Davenport (Brand New Heavies), da lei apprezzata ed entrata nella programmazione di diverse radio europee.